domingo, 15 de septiembre de 2013

Cattolici e fascisti la Santa Sede e la politica italiana all'alba del regime (1919-1925)

Il volume ricostruisce le relazioni intercorse tra la Santa Sede e il fascismo negli anni compresi tra il 1919 e il 1925, concentrandosi sul momento iniziale del loro rapporto, quello finora maggiormente lasciato in ombra dagli studi storici. Ripercorrendo le fonti già edite sul tema, e aggiungendo a esse lo spoglio sistematico delle carte conservate presso gli archivi vaticani relative al pontificato di papa Pio XI (1922-1939), il testo esplora l’iniziale atteggiamento di diffidenza della diplomazia vaticana nei confronti delle squadre in camicia nera; i mutamenti intervenuti in San Pietro all’indomani della marcia su Roma e della costituzione del primo governo Mussolini, con il suo doppio volto di attenzioni nei confronti dell’autorità romana e di attacco contro il clero e il laicato cattolico; il progressivo abbandono del Partito popolare e la liquidazione politica di don Sturzo; la campagna elettorale del 1924 e la drammatica conclusione della crisi innescata dal delitto Matteotti. Corredano il volume 150 documenti, editi e inediti, fonti ecclesiastiche, politiche e diplomatiche che consentono al lettore l’accesso diretto alla documentazione dell’epoca.


No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada